In questa drammatica emergenza legata alla pandemia da Coronavirus, la Società Italiana Setters non può e non vuole rimanere insensibile alle difficoltà in cui si trova a più livelli il Servizio Sanitario Nazionale. Pertanto, la stessa ha devoluto un contributo a favore dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Bergamo – Ospedale Giovanni XXIII, che verrà impiegato per l’acquisto di:

  • Ventilatori
  • Dispositivi di ventilazione non invasiva
  • Monitoraggi emodinamici
  • Cuffie, camici e occhiali monouso

una quota sarà destinata all’assistenza agli anziani soli in Milano e Bergamo (consegna pasti, spesa, mascherine e medicinali a domicilio).

Qualora i nostri Soci ed i cinofili tutti vogliano sostenere questa iniziativa individuamente o tramite le Delegazioni, possono collegarsi al link

http://www.asst-pg23.it/2020/03/_emergenza_coronavirus_come_aiutarci/

ed effettuare un bonifico direttamente all’Azienda Socio Sanitaria Territoriale Giovanni XXIII (IBAN  IT52Z0569611100000012000X95).

Insieme ce la faremo!

In un momento storico doloroso e struggente per l’intero nostro Paese, la Società Italiana Setters si stringe al cordoglio dei parenti delle vittime.

Con profondo rammarico, il Presidente Paolo Gulinelli ed il Consiglio tutto esprimono la propria vicinanza ai cari amici cinofili in lutto: famiglia Cremonesi, famiglia Lussignoli, famiglia Pola.

Sentite condoglianze.

“Altamura: uno spazio su misura!” a cura dell’esperto giudice V. Ronchi

Se le case dei paesini di campagna fossero tinte di bianco e lungo la strada ci fossero cartelli coi tori neri andalusi: non ci sarebbe distinzione tra il panorama dell’immenso “trigo” spagnolo e la lussureggiante verde marea di grano pugliese. Immaginate se in questi luoghi fossero esposti cartelloni pubblicitari raffiguranti setter e pointer in azione: che spettacolo sarebbe!? Nella stessa data di questa manifestazione avevo un importantissimo appuntamento per un esame diagnostico che incoscientemente ho rinviato per presenziare a questo epocale evento che non mi pento di aver privilegiato. Osservando quelle smisurate distese dai finestrini dell’auto, pensavo al confronto con altri luoghi nel nostro stivale senza trovarne altri altrettanto adeguati. Mi è sembrato che la continuità degli spazi fosse addirittura maggiore rispetto alle recenti edizioni dei Derby scorsi. La Società italiana Setter è riuscita a centrare un obbiettivo che immagino possa divenire meta futura per altri appuntamenti della stessa portata. Una stranezza: l’esigua partecipazione dei pointer che immaginavo fosse più copiosa, visto il terreno a loro congeniale, oltre a mostrare in anticipo le loro credenziali per assicurarsi un posto in Coppa Europa sotto la mia supervisione. Va sottolineato che a nessuno è venuto in mente di confrontarsi con la Serbia e le sue “fate grigie” e questo i nostri amici serbi lo sanno perfettamente! Anzi, dovrebbero essere invitati a questi eventi per rassicurarli in proposito. Se non ci fosse la Serbia col suo paradiso cino/venatorio, probabilmente molti addestratori avrebbero cambiato mestiere. In Italia, ben che vada, potremmo organizzare alcune prove a Grande cerca, evitando di farci prendere a pedate dagli agricoltori che da sempre non vedono di buon occhio le nostre gratuite invasioni sui loro terreni. Figuriamoci se avessimo la pretesa di allenare i nostri atleti per giornate intere prima e dopo le prove. Altra cosa che mi preme sottolineare, è lo staff di Mimmo Pupillo e i suoi ragazzi; una nutrita squadra di giovani appassionati capaci di svolgere con entusiasmo un compito delicatissimo nel labirinto di quelle carraie, governando sapientemente selvaggina e risorse umane, permettendo un collegamento costante sui campi di prova nelle varie batterie, accompagnando passo passo giurie e concorrenti. Organizzare una prova a Grande cerca in Italia dopo oltre vent’anni, ha creato una risonanza mediatica importante, forse accolta con scetticismo nell’immaginario collettivo, prevedendo una pantomima dall’esito incerto: invece è riuscita perfettamente e tutti ne siamo soddisfatti testimoni! Chi mi conosce sa che non faccio sconti se noto gravi stonature organizzative, dunque nell’occasione mi è sembrato di ripercorrere i fasti degli anni 80 al Mezzano, quando il grande Luigi Consonni riusciva a mettere insieme tante risorse umane oltre alle autorità locali e, chi non c’era, attendeva di leggere le cronache sulle uniche fonti di informazione tipo “i Nostri Cani” e “Caccia e & Cani” a cura del compianto Popi Negri e il Gruppo cinofilo delle Groane. Non esisteva internet, tantomeno gli smartphone a rendere immediate immagini e filmati in diretta come accade oggi sui campi di prova. Quest’anno la mia presenza quale selezionatore della Nazionale italiana di Coppa Europa, aveva per me un sapore particolare che, purtroppo, il destino avverso mi ha privato di portare a termine causa la pandemia, e non solo, che ha travolto il nostro paese annullando prima il Derby e, di conseguenza, tutte le altre prove italiane a Nis Coppa europa compreso, vanificando la volontà di chi aveva scommesso su tutto questo. Concludo questa mia positiva esperienza pubblicando il risultato tecnico che ho condiviso serenamente coi colleghi Diego Pola e Claudio Lombardi.

I valori sul carnet rappresentavano buona parte dei migliori setter attuali e, le qualifiche, riassumono ciò che in campo si è visto. La prova si è svolta in condizioni ideali per ventilazione costante, vegetazione e terreno esemplare per tutti i turni.:

Torero del Sole di Lombardi. Ha fornito un lavoro perfetto mantenendo azione e concentrazione costanti con galoppo armonico pur lievemente sollevato. Ha realizzato due punti a margine di uliveti. Tipiche le prese di punto così come le accostate sollecite concluse correttamente.

Marzales JFK Bruni. Altro setter di sostanza, dotato di spiccata personalità. Prestazione pienamente nella nota espressa con movimento sostanzialmente corretto. Ha realizzato un punto con una attimo di indecisione immediatamente corretto in postura tipica concluso con accostata perfetta.

Natan di Bischi. Atro setter carismatico che ha fornito ancora una prestazione convincente aggiudicandosi un punto in apertura di turno in buona espressione. Una lieve flessione sul finale.

Ambrofellis Kalibù Bruni. Setter di azione ancor più che di qualità. Bene in nota si aggiudica punto di buona fattura correttamente risolto.

Oltre ai classificati ci ha impressionato Sibux di Valdichiana di Bischi in un lungo richiamo purtroppo senza fortuna.

Un arrivederci a presto nella speranza di ritrovarci ancora più numerosi con lo stesso spirito di aver ritrovato il piacere di rivedere i nostri atleti ad accarezzare il suolo tanto caro a chi ci ha trasmesso la passione per questa arte straordinaria condivisa tra uomo e cane.

 

“Grande Cerca made in Italy” a cura dell’esperto giudice R. Collodoro

Avete letto bene. Dopo oltre 20 anni la Grande Cerca è tornata in Italia. Martedi 24 e Mercoledi 25 febbraio si sono svolte nei terreni di Altamura e dintorni una prova di grande cerca speciale setter ed una speciale pointer. Tutto questo è stato possibile grazie alle 2 società specializzate ed all’ ENCI che hanno deciso in comune accordo di lanciarsi in questa sfida. Indispensabile il grandissimo lavoro di Mimmo Pupillo e del suo team in unione con le istituzioni territoriali. Organizzazione perfetta, ospitalità, cura dei minimi dettagli  per farsi trovare pronti ad un importante appuntamento per la cinofilia italiana. Terreni adatti a questo tipo di prova, immense distese spagnoleggianti di grano, buona presenza di starne dall’ ottimo comportamento hanno reso possibile delle Verifiche zootecniche di ottimo livello. A fronte del gradito invito della SIS, che ringrazio per la fiducia, io sono stato impegnato in giuria nella prima giornata. 4 batterie, più di 80 cani iscritti. Nella mia batteria, giudicata con i colleghi Balestra e Procaccini, un buon lotto di soggetti che ben si sono disimpegnati sui terreni pugliesi. Starne in quasi tutti i 10 turni, terreni uniformi per tutti, cosa non sempre scontata in questo tipo di prove. Accompagnatori con la A. Al termine 2 cani classificati: al primo ecc Block condotto da Baraghini ed al 2 ecc Apelles dell’ Admontes condotto da Targetti entrambi con buone prestazioni e 2 punti all’attivo. L’ ha spuntata block per una maggior qualità stilistica. Discorso a parte merita FURIO DELL’ ADMONTES condotto da Targetti che ha sfoderato una prestazione di altissimo livello coniugando una performance atletica ad aspetti qualitativi di primissimo ordine. Purtroppo la dea bendata non è stata dalla sua parte.

A mio parere queste 2 giornate possono essere un punto di partenza per il futuro. Cercare di avere alcune prove di grande cerca in terreno nostrano è un qualcosa da perseguire. Tutto è migliorabile, ma iniziare è essenziale. Sono certo che l’ ENCI e le nostre 2 società specializzate con l’aiuto dei ragazzi pugliesi potranno pianificare per l’avvenire delle ottime verifiche zootecniche. Riuscire ad incrementare le giornate, coinvolgere un maggior numero di “furgoni”, renderle più internazionali. Includere un wend in modo che tutti gli appassionati connazionali possano godersi lo spettacolo della grande cerca. Possano ammirare soggetti visti solo sui social o su riviste. Vedere in campo la professionalità, l’abilità dei tanti dresseur che si cimentano in questo tipo di prove senza doversi sobbarcare migliaia di km con costi e tempo annessi. Poter vivere in diretta il lavoro della classe giudicante con giurie internazionali. Insomma… vivere la grande cerca dal campo. Queste prove non devono essere viste come alternativa o essere in antitesi a quelle organizzate in altri Paesi. Da sempre ripeto che un gran cane deve emergere in ogni tipo di condizione, nei terreni di Spagna, Grecia, Serbia, Francia e perché no Italia. Con diverse tipologie di selvaggina, con diverse tipologie di colture, in stagioni diverse. Tutti uniti, ogni Paese con le proprie peculiarità, potremmo selezionare soggetti che andranno ad incrementare il già alto livello dei setter e dei pointer che si cimentano nella regina delle prove: la Grande Cerca made in Europe!.

 

 

 

 

 

A seguire, il testo della comunicazione inviata dal Presidente della Società Italiana Setters, Paolo Gulinelli, ai membri del CISA, in data 1 marzo 2020:

“Cari amici, il Consiglio Direttivo della Società Italiana Setters, in conformità ed in piena adesione alla delibera n 4/20 del Presidente dell’ENCI, che alleghiamo, ha deciso all’unanimità dei Consiglieri di non partecipare con le proprie squadre ai Campionati Europei di Grande Cerca e Caccia a Starne. La SIS revoca i Giudici designati alla Presidenza delle giurie Edoardo Della Bella e Angelo Bonacina. I Consiglieri della SIS quale manifestazione esplicita di appoggio alla delia Delibera Presidenziale dell’ENCI si asterranno da partecipare, a qualsiasi titolo, alle prove in Serbia. La situazione sanitaria nazionale ed internazionale impone estrema prudenza a tutela della salute di tutti. L’ENCI ha sospeso anche lo svolgimento del Derby nazionale ed a seguito di questa dolorosa ma logica decisione ha assunto la Delibera 4/20. Stante tale situazione sanitaria internazionale la SIS chiede anche il rinvio della riunione del CISA convocata per il giorno 21 marzo 2020 alle ore 19:00 presso l’Hotel Zeleni Vir. Cordiali saluti Paolo Gulinelli Presidente Società Italiana setters”

COMUNICATO N. 13 del 28 febbraio 2020

La Società Italiana Setters apprende con grande rammarico la decisione dell’ ENCI che stabilisce di:

  • revocare la concessione delle qualifiche italiane CAC CACIT per le prove organizzate dal Setter Pointer Club Serbia  sui terreni di NIS dal 5 al 25 marzo 2020;
  • rinunciare allo svolgimento della Coppa Europa razze da ferma inglesi 2020 e relativa prova di eccellenza;
  • sospendere le qualifiche italiane dei campionati Europei Setter e Pointer.

La Società Italiana Setter condivide incondizionatamente la logica ed indispensabile  Delibera dell’ENCI, soprattutto dopo la decisione di sospendere il Derby ad Altamura.

La Società Italiana Setter è vicina a tutti i cinofili: allevatori, proprietari, conduttori e semplici appassionati che saranno certamente delusi dalla sospensione del Derby e delle prove con qualifiche italiane in Serbia. Siamo coscienti dei loro grandi sacrifici giornalieri che hanno portato, ormai da anni, l’allevamento italiano ai vertici internazionali e del danno anche economico che comporta l’inevitabile delibera dell’ENCI. Ma sappiamo, con certezza, che, in un momento così difficile e drammatico per il nostro Paese, tutti sapranno comprendere che la decisione  è stata presa, certamente con sofferenza, nell’interesse della salvaguardia della salute pubblica nostra e dei nostri fratelli Serbi.

 

A seguito di terzo monitoraggio sui terreni deputati allo svolgimento del Campionato Italiano per Delegazioni, si comunica che non sono state censite beccacce in numero sufficiente a garantire la corretta esecuzione della manifestazione stessa.

Il Campionato di Castelvetro, pertanto, viene annullato e quanto prima saranno forniti ulteriori dettagli in merito ad una nuova organizzazione.

 

Comunicato n. 10 del 12 febbraio 2020

Si comunica che l’esperto giudice prescelto quale selezionatore per il campionato europeo di caccia a starne:

sig. RICCARDO ROSA

darà avvio alla selezione a marzo in occasione della tournee serba.

Il selezionatore si rende disponibile per eventuali delucidazioni al n. 335296516.

In bocca al lupo amici setteristi!

 

 

UFFICIO STAMPA

Società Italiana Setters

COMUNICATO N. 8 del 8 febbraio 2020

 

Si comunica che l’esperto giudice prescelto quale selezionatore per il campionato europeo di grande cerca:

sig. ROBERTO COLLODORO

visionerà gli aspiranti setter nell’ambito delle seguenti prove:

12, 13, 14, 15 febbraio Marchena (SP)

25 febbraio Altamura

Dal 5 al 17 marzo Serbia

Il selezionatore resta a disposizione per gli interessati al recapito telefonico 3487977216.

Ulteriori dettagli verranno comunicati in seguito.

 

In bocca al lupo amici setteristi!

 

 

UFFICIO STAMPA

Società Italiana Setters

L’anno 2019 è stato per i Gordon un anno di conferme positive, ma con qualche segnale che deve costituire per il Club e per tutti gli appassionati della razza motivo di riflessione e sul quale ci soffermiamo subito. Le iscrizioni a Libro Origini nel 2018 sono per la prima volta scese al di sotto della soglia delle 200 unità. Certamente sono molti i fattori esterni che nel tempo hanno contribuito a determinare questo risultato; a questi deve aggiungersi una tendenza ormai comune a molte razze che vede la scomparsa quasi totale dell’allevatore inteso in senso classico (in quanto tale iscritto all’apposito registro presso l’ENCI ed obbligato alla sottoscrizione del codice etico), che programma le sue cucciolate in funzione degli obiettivi di selezione. Questa figura è stata progressivamente sostituita da singoli appassionati che solo occasionalmente fanno riprodurre i loro soggetti. Naturalmente questa mutazione non è esente da rischi per la razza (anche sotto il profilo sanitario; non per nulla in passato il Club si era fatto promotore, senza esito, di un codice etico ad hoc per la razza Gordon), ma rappresenta anche un problema per chi si avvicina al Gordon e non trova più i necessari riferimenti. Per questa ragione il Club ritiene importante continuare a puntare sull’informazione che non riguardi soltanto i risultati conseguiti dai Gordon nelle verifiche zootecniche funzionali e morfologiche, ma anche la storia recente e passata della razza nelle parole di chi nel tempo la ha allevata, studiata e anche criticata. L’informazione tuttavia risulta utile alla causa se, oltre ai soci, riesce a raggiungere il maggior numero di appassionati della razza, in particolare quelli che hanno scelto il Gordon per quello che è, cioè una cane da caccia, e per quelli che intendono farlo. Non vi sono dubbi che questo dovrà essere uno degli obiettivi del Club per i prossimi anni.

La stagione delle verifiche funzionali si apre, come di consueto, con le prove a beccaccini nelle risaie di Oristano. Questo specifico circuito di prove, che si chiude poi a Garbagna novarese nel mese di novembre, costituisce ormai da alcuni anni un importante riferimento tecnico per i setter gordon e per tanti appassionati della razza, trattandosi di prove altamente selettive in ragione delle caratteristiche del selvatico, uno dei pochi autentici che è ancora possibile rinvenire nel nostro Paese, e delle difficoltà dell’ambiente in cui si svolgono.

Allo stato può ben dirsi che in questa specialità i nerofocati stanno esprimendo da alcuni anni il meglio di se, come risulta evidente dalla vittoria per il secondo anno consecutivo del Trofeo Beccaccino d’Oro da parte di un Gordon, il Docholliday che ha ripreso il testimone di Malcottinensis Sisco. Quest’ultimo invece si è aggiudicato lo Challange Europeen, trofeo internazionale che si corre in Francia aperto a tutte le razze da ferma, mentre lo stesso Dochollyday si è aggiudicato anche lo Challange Cèzallier, trofeo internazionale che si corre anch’esso in Francia, riservato alle sole razze inglesi.

A ciò deve aggiungersi che il giovane Bill, in virtù dei risultati conseguiti in Francia nella stagione 2018/2019 si è classificato secondo nel campionato locale della specialità.

Nelle prove su selvaggina naturale si è avuta la conferma di soggetti già noti, come Daenerys, Logan, Cecilemanot, Argo e Ciro, ma anche alcune novità come Escobar, Kinzica e Sgurrmor Queenie.

Nella caccia a starne si è messa in bella evidenza Lacisium Tua, una giovane gordon di proprietà del Prof.Delaini. condotta da Beppe Pezzotta, mentre ancora un bel risultato ha messo Ermes nella nota della classica a quaglie.

Infine, anche se si tratta di gare organizzate da associazioni venatorie e non di verifiche zootecniche,

  • da menzionare Tango LO13131829, il setter gordon che quest’anno ha primeggiato a beccacce dando lustro alla razza.

Complimenti quindi a tutti i proprietari e ai conduttori di questi soggetti. Nel complesso, dai dati in nostro possesso risulta quanto segue.

  • 20 Gordon hanno partecipato a prove di lavoro; il dato è sostanzialmente in linea con quello dell’anno precedente
  • 15 Gordon hanno conseguito qualifiche, compreso il CQN (certificato qualità naturali) e precisamente:

 

  Qualifica   Tot Caccia Beccaccini   Caccia Selv.Nat.   Caccia Starne Classica Quaglie
          .                  
                           
  CAC CACIT   3 3              
                           
  CAC RCACIT   2 2              
                           
  RCAC RCACIT   1 1              
                             
  CAC     5 1     4        
                           
  RCAC   5 2     1   1    
                             
  ECC     21 13     6   1 1  
                             
  MB     5 3     1   1    
                           
  CQN   3 2     1        
                         
Dettaglio dei risultati in prove di lavoro 2019            
Data   Località     Tipo prova            
03.01   Oristano     caccia beccaccini   Docholliday 2° Ecc.,  Malcottinensis Sisco detto  
                    Nash 3° Ecc.        
04.01   Oristano     caccia beccaccini   Malcottinensis Sisco detto Nash 3° MB  
05.01   Oristano     caccia beccaccini   Oldrado da Ponte 2° Ecc    
06.01   Oristano     caccia beccaccini   Docholliday 1°Ecc CAC RCACIT, Malcottinensis  
                    Sisco detto Nash 2°Ecc. RCAC    
07.01   Oristano     caccia beccaccini   Oldrado da Ponte 3° Ecc.    
09.02   Sainteny     caccia beccaccini   Docholliday 1°Ecc    
10.02   Sainteny     caccia beccaccini   Malcottinensis Sisco detto Nash 1°Ecc  
15.02   Lonato (BS)     caccia selv.nat.-oaks   Frida di Val Bruna 1°Ecc CAC    
16.02   Cueron     caccia beccaccini   Malcottinensis Sisco detto Nash 1°Ecc CAC CACIT  
17.02   Cueron     caccia beccaccini   Malcottinensis Sisco detto Nash 1°Ecc CAC CACIT  
01.03   Braud S.Louis   caccia beccaccini   Malcottinensis Sisco detto Nash Ecc, Ciro MB  
02.03   Braud S.Louis   caccia beccaccini   Malcottinensis Sisco detto Nash 1°Ecc, Oldrado  
                    da Ponte 3°Ecc    
03.03   Braud S.Louis   caccia beccaccini   Docholliday 1°Ecc    
22.03   Ceresole d’Alba   caccia selv.nat.   Daenerys 1°Ecc CAC    
23.03   Ceresole d’Alba   caccia selv.nat. Spec. Logan 1°Ecc        
24.03   Ceresole d’Alba   caccia selv.nat.   Daenerys 1°Ecc CAC    
25.03   Limon-Eglise.   caccia beccaccini   Docholliday 2°RCAC RCACIT    
27.03   Limon-Eglise.   caccia beccaccini   Bill 1°Ecc        
29.03   Limon-Eglise   caccia beccaccini   Docholliday 1°Ecc CAC RCACIT, Bill 2° Ecc RCAC  
31.03   Limon-Eglise   caccia beccaccini   Bill CQN        
II                        

 

16.06 Catania classica quaglie Ermes 1°Ecc
10.08 Ceresole d’Alba caccia selv.nat. Argo 3°Ecc
06.10 Suzzara (MN) caccia selv.nat.-Spec. Escobar 1°Ecc
19.10 Cueron caccia beccaccini Docholliday 2°Ecc
12.11 Garbagna (NO) caccia beccaccini Docholliday 1°Ecc
13.11 Robbio (PV) caccia beccaccini Docholliday 1°Ecc CAC
17.11 Robbio (PV) caccia beccaccini Docholliday 1°Ecc CAC CACIT, Daenerys 2°MB
22.11 Garbagna (NO) caccia beccaccini Docholliday CQN
26.11 Masserano caccia selv.nat. Sgurrmor Queenie Ecc
28.11 Masserano caccia selv.nat. Sgurrmor Queenie 2° Ecc RCAC
03.12 Nis caccia starne Lacisium Tua Ecc
07.12 Nis caccia starne Lacisium Tua 3°Ecc 2°RCAC
14.12 Ceresole d’Alba caccia selv.nat. Cecilemanot 2°Ecc RCAC, Ciro 3°MB, Daenerys
      CQN
15.12 Ceresole d’Alba caccia selv.nat. Docholliday 2°Ecc, Kinzica 3°Ecc
15.12 La Tollara (AL) caccia starne Sgurrmor Queenie MB
18.12 Borgo d’Ale (VC) caccia selv.nat. Sgurrmor Queenie 1°Ecc CAC

 

Nella tabella sottostante riportiamo i numeri di iscrizione a Libro Origini dei 15 cani sopraindicati mediante i quali è possibile visualizzare sul sito ENCI i relativi pedigree e le altre informazioni presenti.

 

ARGO LO1488888
BILL LO1644611
CECILMANOT LO1590413
CIRO LO11160772
DAENERYS LO14100581
DOCHOLLIDAY LO1366049
ERMES LO13120592
ESCOBAR LO17132388
FRIDA DI VAL BRUNA LO1684483
KINZICA LO17127002
LACISIUM TUA LO1699543
LOGAN LO145546
MALCOTTINENSIS SISCO DETTO NASH LO1263544
OLDRADO DA PONTE LO1187096
SGURRMOR QUEENIE LO18106984

 

I Campioni proclamati da ENCI nel 2019 (Lavoro/Bellezza/Int.Bellezza)

 

Campione Italiano di Lavoro 2019

Nome   Lettura ufficiale displasia anca (da sito Enci)
Ciro   SI – Esito: A
Frida di Val Bruna   Non risulta informazione
Campioni Italiano di Bellezza 2019  
Nome   Lettura ufficiale displasia anca (da sito Enci)
Camillo Conte Benso di Cavour   Non risulta informazione
Joplin from the Gordons Lodge   Non risulta informazione
Campione Internazionale di Bellezza 2019  
Nome   Lettura ufficiale displasia anca (da sito Enci)
III  

 

Portland Black Lofty Non risulta informazione  
Vittorio dei Riri Non risulta informazione  
RICONOSCIMENTI S.I.S., TROFEI SETTER GORDON CLUB, TROFEI NAZIONALI E INTERNAZIONALI
Campione di Razza SIS Caccia a Beccaccini   : Docholliday
Campione di Razza SIS Caccia a Beccaccini   : Cecilemanot
Campione Setter Gordon Club 2019   : non assegnato
Trofeo Gualtiero Quaglino 2019   : Daenerys
Trofeo SGC-Il Migliore a beccaccini 2018/2019 : Malcottinensis Sisco detto Nash
Trofeo SGC-Il Migliore a selvaggina 2018/2019 : non assegnato
Trofeo Club del Beccaccino- Beccaccino d’Oro 2019 : Docholliday
Trofeo Challange Europeen a beccaccini 2019(Francia) : Malcottinensis Sisco detto Nash
Trofeo Challange Cèzallier a beccaccini 2019(Francia) : Docholliday
Arci-Campionato Italiano a beccacce 2019   : Tango
Arci-Trofeo Camp.Appennino a beccacce 2019 : Tango

 

Coppa Europa Gordon 2019- Campionato europeo di primavera

 

Il campionato europeo si è svolto a Toledo sotto organizzazione del Setter Club di Spagna nei giorni 24 e 26 Febbraio. La squadra italiana era composta da Argo di F.Pettorelli, Daenerys di F.Bavaro, Logan di S.Doglio condotto da A.Gallese, Docholliday di G.Meneghini, Malcottinensis Sisco di P.Galassi e Oldrado da Ponte di E.Zaretti, questi ultimi tre condotti da E.Marchetti. Nessuno dei gordon italiani è andato in classifica. La Coppa è stata vinta dal gordon svizzero Gambler de la Campagne Gravèe; il titolo a squadre non è stato assegnato perché nessun team nazionale ha messo in classifica almeno due soggetti.

 

Campionato europeo d’autunno su selvaggina naturale

 

Questa edizione del campionato doveva svolgersi anch’essa in Spagna, ma la manifestazione è stata annullata a causa dell’insufficiente numero dei Paesi e dei soggetti partecipanti

 

Il Setter Gordon Club, i suoi soci, la sua attività e le iniziative per la salute

 

Il Club è la sezione di razza della Società Italiana Setters, questa a sua volta è l’associazione specializzata alla quale ENCI ha conferito la delega per la tutela delle quattro razze setter. La SIS è stata sottoposta a commissariamento da parte dell’ENCI a far tempo dal 9 Ottobre 2017 per motivi che riguardavano esclusivamente l’organizzazione interna dell’associazione e in particolare le delegazioni territoriali, organismi del tutto diversi dalle sezioni di razza. La procedura di commissariamento della SIS si è chiusa sostanzialmente il 20 Luglio 2019 con l’assemblea generale dell’associazione che ha eletto i membri del consiglio direttivo nazionale e quelli dei consigli direttivi del Club Irlandesi e del Club Gordon. Da quel momento l’attività della associazione in favore delle quattro setter ha ricominciato a fluire regolarmente con un programma decisamente impegnativo. Per quanto riguarda il Club Gordon sono risultati eletti Maurizio Peri, Presidente e membro del consiglio direttivo nazionale, Alfonso Gallese, Franco Bavaro, Paride Galassi e Fabio Pettorelli. Il comitato direttivo del Club ha poi nominato all’interno il suo Vice presidente nella persona di Alfonso Gallese.

 

Gli iscritti al Club per l’anno 2019 sono stati 93 contro gli 80 dell’anno precedente, suddivisi come segue per aree geografiche:

 

Regione Numero soci Regione Numero soci
1.Lombardia 26 8.Lazio 5
2.Emilia Romagna 11 9.Sicilia 2
3.Marche 9 10.Liguria 1
4.Veneto 10 11.Sardegna 2
5.Piemonte 11 12.Umbria 1
6.Toscana 8 13.Puglia 1
IV      

 

7.Calabria 3    
Paese: Svizzera 3    

 

Nell’anno 2019 il Club ha organizzato, direttamente o tramite una delegazione territoriale SIS, 4 raduni (Ceresole d’Alba, Civita Castellana, Valeggio sul Mincio e Suzzara) con CAC valido per il campionato italiano di bellezza ed ha autorizzato 2 Mostre Speciali in seno alle esposizioni internazionali di Olbia e Messina. Ricordiamo che relativamente alle verifiche morfologiche, per le razze, come il Setter Gordon, che hanno sino a 1000 iscrizioni a Libro Origini, alle rispettive associazioni specializzate spettano un massimo di 6 mostre di cui 4 sotto forma di raduni e 2 sotto forma di mostre speciali; a queste devono aggiungersi 2 mostre speciali obbligatorie da svolgersi in Sicilia e/o in Sardegna.

 

Alle iniziative del Club si sono comunque aggiunte quelle dell’ENCI e precisamente la mostra speciale di Vicenza in data 9 Febbraio, il raduno di Rocca di Cambio-Campofelice del 5 Luglio, e la mostra speciale di Verona del 14 Dicembre (Enci Winner). Pertanto complessivamente nel 2019 si sono svolti 5 raduni di razza e 4 Mostre Speciali.

 

Raduno/Mostra Speciale Numero partecipanti Giudice
Raduno Ceresole d’Alba   15   Zurlini
Raduno Civita Castellana   10   Balducci
Raduno Valeggio sul Mincio   5   Braga
Raduno Rocca di Cambio   0   Tagliaferri
Raduno Suzzara   16   Pozzi
Mostra Speciale Vicenza   2   La Barbera
Mostra Speciale Olbia   2   Letic
Mostra Speciale Messina   1   La Barbera
Mostra Speciale Verona (Enci Winner)   8   Bezzecchi

 

Da segnalare i numerosi successi conseguiti nelle verifiche morfologiche dai soci Marchetti Jessika e Faccioli Donatella rispettivamente proprietarie di Imperial Gordon’s Dominic Toretto (risultati raduno/expo) e Ludstar Lestat (risultati expo).

 

Relativamente alle verifiche di lavoro, nel 2019 il Club ha organizzato (direttamente o indirettamente) una speciale a beccaccini a Oristano e tre speciali su selvaggina naturale ( Ceresole, Civita Castellana e Suzzara). Il numero delle prove speciali di razza organizzate dai Gruppi Cinofili e dalle delegazioni territoriali della SIS è rimasto nel 2019 sostanzialmente invariato.

 

Importanti decisioni sono state infine assunte per la salute dei setters. Il Consiglio direttivo del Club si

  • espresso a favore della modifica regolamentare in base alla quale per la proclamazione a campione italiano di lavoro, di bellezza, riproduttore selezionato e campione sociale SIS sarà necessaria la lettura ufficiale della displasia con esito A-B e del gomito con esito 0-BL. La richiesta di modifica con decorrenza 1.1.2021 riguarda le quattro razze setter ed è stata inoltrata dalla SIS all’ENCI in chiusura d’anno.